Carrello 0

Vai al carrello
Immagine 7.jpg

Succhi frullati e centrifughe

Pubblicato il 01 giugno 2018 in Collaborazione con l'Università degli Studi di Brescia - Corso di Laurea in Dietistica

FRUTTA
Dato l'estrema varietà dei principi nutritivi nei diversi frutti, vi è la necessità di suddividere la frutta in:

- acidulo-zuccherina: mele, pere, pesche, susine, uva, albicocche, ciliegie, fragole, lamponi;
- acidula: contiene circa il 15% di zuccheri fornendo un apporto calorico massimo di circa 60 Kcal (agrumi);
- zuccherina: contiene più del 15% di zuccheri fornendo un apporto calorico superiore alle 70 Kcal (fichi, banane, ananas);
- farinosa: castagne;
- oleosa: contiene un elevato quantitativo di Iipidi (50-65%) e proteine (10-20%) oltre ad un discreto quantitativo di carboidrati (15-20%). L'apporto calorico è di circa 600 Kcal (arachidi, noci, nocciole, mandorle, pinoli, pistacchi).

Proprietà della frutta
La frutta, ad eccezione dell'oleosa, è un alimento ad alta densità nutritiva e a bassa densità calorica caratterizzata da tutta una serie di principi nutritivi:

- elevato contenuto di acqua (dal 30 al 96% del peso; il massimo lo ritroviamo nel cocomero)
- alto contenuto di vitamine A e C
- sali minerali come K, Mg, Fe, Ca che sono assicurati dalla frutta e dalla verdura, nei Paesi
industrializzati, per circa 1/5 delle quantità raccomandate
- fibra alimentare (cellulosa, emicellulosa e pectina)
- contenuto proteico e Iipidico irrilevante
- buon contenuto di zuccheri (saccarosio e fruttosio) presenti soprattutto nella frutta polposa e zuccherina.

Dobbiamo ricordare che nella frutta sono presenti anche sostanze potenzialmente tossiche (glucosidi cianogenetici, nitrati, ossalati, antitiroidei, solanina).

Ruolo protettivo
Il ruolo protettivo dei principi nutritivi contenuti nella frutta e nella verdura è oramai noto. Questi numerosi principi chimicamente isolati, purificati e somministrati, non hanno però gli stessi effetti positivi di quando sono nel frutto perché la loro azione è una sinergia che avviene con tutti gli altri componenti vegetali (oli essenziali, tannini, pectine, ecc) presenti nel frutto stesso.

Le principali funzioni della frutta e verdura sono:

- azione vitaminizzante grazie al notevole apporto di vitamine;
- azione mineralizzante esercitata soprattutto da sali di calcio, ferro, rame, cobalto, manganese e zinco;
- azione diuretica e disintossicante grazie alla prevalenza di potassio che facilita l'eliminazione dei prodotti del metabolismo azotato e l'eccesso di c1oruri;
- azione alcalinizzante utile nei confronti di alimenti proteici (acido-formatori);
- azione lassativa esercitata dalla fibra che stimola la peristalsi intestinale (anche se alcuni frutti contengono alte quantità di tannini con proprietà astringenti, ad es. nelle mele cotogne, nespole, lamponi);
- azione stimolante la digestione determinata dagli acidi organici (citrico ascorbico, ecc) che stimolano la produzione di succhi digestivi.

Come sceglierla
AI fine di utilizzare in modo ottimale il contenuto in principi nutritivi, la frutta dovrebbe essere consumata dopo il raccolto (molte vitamine si riducono con il trascorrere del tempo) , cruda (le vitamine A, B, C e E sono disattivate dal calore) e non eccessivamente lavata dal momento che le vitamine B e C sono idrosolubili così come i sali minerali.
Per il primo punto si può ovviare con il consumo di prodotti locali su base stagionale che garantisce: la maturazione sulla pianta, il migliore sapore, il maggiore apporto di sostanze nutritive, la garanzia di freschezza, la ridotta presenza di conservanti, le pratiche di coltivazione conosciute (UE), il risparmio, una dieta variata in modo naturale.
In linea generale si può dire che tanto più le produzioni sono distanti dalla regione di consumo, tanto minori sono le garanzie di qualità e freschezza.
Per ovviare al problema di non lavare eccessivamente la frutta, va sottolineato prima di tutto che il lavaggio è indispensabile per allontanare tutti quegli inquinanti chimici utilizzati nell'agricoltura moderna e che quindi preferire frutta proveniente da un'agricoltura biologica o biodinamica, può essere un buon compromesso.

ALCUNI TIPI DI FRUTTA E PROPRIETÀ

MIRTILLO
Il Mirtillo offre grandi benefici per la salute degli occhi e contro l'invecchiamento cellulare. Il Mirtillo è un arbusto molto comune nei boschi e lungo i sentieri nelle zone montane dell'Italia. Se ne contano varie specie ma quella più ricca di proprietà è la Vaccinium Myrtillus.
Il Mirtillo presenta un fusto alto e ramoso, radice serpeggiante e foglie ovali caduche di colore verde pallido e finemente nervate. I fiori sono bianchi o leggermente rosati e le bacche di color rosso o violaceo.
A scopo terapeutico se ne utilizzano le bacche e le foglie essiccate. Le bacche si raccolgono a piena maturazione e se ne preparano marmellate, succhi o consumate fresche. Il mirtillo contiene zuccheri, sali minerali, flavonoidi, tannini, vitamine A, C e B e Mirtillina, la quale, oltre a donare il caratteristico colore scuro, riduce la permeabilità dei capillari, rafforzando i vasi sanguigni, migliorandone l'elasticità e rendendo quindi il mirtillo un ottimo alleato per il trattamento dei disturbi circolatori e contro la fragilità capillare. Grazie alla presenta di vitamina A, C, B e sali minerali al mirtillo sono riconosciute ottime proprietà antiossidanti in grado di inibire la formazione di radicali liberi, responsabili dell'invecchiamento cellulare. Le antocianine contenute nel mirtillo sono in grado di migliorare la vista, soprattutto in condizioni di scarsa luminosità. Sempre queste sostanze conferiscono al mirtillo un effetto antisettico, utile nel trattamento di diarrea e cistite. Le foglie di mirtillo inoltre, sono un ottimo ipoglicemizzante e proteggono dai danni del diabete, del fumo e dell'ipertensione e godono di proprietà diuretiche e disinfettanti dell'apparato urinario. L'uso popolare riconosce la marmellata di Mirtilli quale regolatrice delle funzioni intestinali.

RIBES NIGRUM
Il ribes nero ha un'alta concentrazione di antiossidanti e vitamine. Il suo gemmoderivato invece è uno dei più potenti antistaminici naturali. Le bacche di ribes sono note per il loro altissimo potere antiossidante. In particolare la bacca di ribes nero (o Ribes Nigrum) è ricchissima di vitamina C, in una forma più stabile di quella degli agrumi. Nel ribes, oltre ad una alta concentrazione di vitamina C (circa 2mg/l00g), troviamo polifenoli, antociani (pigmenti antiossidanti tipici della frutta di color viola scuro), carotenoidi, fibre, minerali, vitamina E ed acidi grassi insaturi (omega-3 e omega-6). Sul mercato sono presenti diverse qualità di ribes anche se le più apprezzate sono il ribes nero e il ribes rosso. Entrambi sono molto utilizzati anche in cucina, per preparare dolci, marmellate e succhi. In erboristeria si utilizzano principalmente le foglie e le gemme di ribes nero, mentre il ribes rosso viene maggiormente apprezzato per le sue proprietà idratanti, nutrienti e fortificanti della pelle.
Le foglie di ribes nero sono usate tradizionalmente come diuretico, per favorire l'eliminazione dell'acqua e degli acidi urici in eccesso. L'azione diuretica delle foglie del ribes è data principalmente dall'azione di un particolare olio essenziale, che libera nel nostro organismo sostanze che stimolano la diuresi. Il ribes nero ha spiccate proprietà antinfiammatorie, che ne fanno un ottimo rimedio per alleviare dolori articolari, reumatismi, affezioni della bocca o della gola (facendo risciacqui o gargarismi con un decotto di foglie). Inoltre gli estratti di ribes nero sono un ottimo rimedio contro il mal di testa. Agisce positivamente sia a livello cutaneo sia a livello respiratorio ed è consigliato in tutte le forme di allergia al polline, allergia ai farmaci, riniti e congiuntiviti allergiche o asma bronchiale. Il ribes nero è uno dei migliori rimedi naturali contro le allergie e le manifestazioni di orticaria. Il ribes nero offre benefici anche a tutti quei problemi legati al microcircolo, in particolare è utile in caso di fragilità capillare, gambe pesanti o emorroidi.

IL FRUTTO DELLA PASSIONE
Il frutto della passione o maracujà è un alimento che apporta molti benefici, soprattutto a sistema gastrointestinale e cardiovascolare. Il frutto della passione o maracujà appartiene alla famiglia delle Passifloracee ed è originario del Brasile. Vanta una polpa particolarmente profumata, che può essere di colore giallo o tendente al viola. Questo frutto esotico dalle tante proprietà non è ancora particolarmente diffuso in Italia. Si può acquistare nelle grandi catene di supermercati e nei negozi specializzati, ma non è di semplicissima reperibilità. Si trovano, invece, facilmente i prodotti ricavati dal frutto della passione, specie succhi di frutta che si utilizzano spesso per creare cocktail alcolici e analcolici. Abbondante, gelatinosa e profumatissima, la polpa del frutto della passione è composta principalmente da acqua e rappresenta una buona fonte di betacarotene e fibre alimentari; contiene inoltre una discreta quota di altri nutrienti, tra cui ferro, potassio, magnesio, zinco; selenio, vitamina A e Omega 6. I semi della maracujà sono solitamente destinati all'alimentazione degli animali, mentre dalla buccia viene estratto un olio utilizzato principalmente nell'industria cosmetica. Il frutto della passione rappresenta una fonte generosa di antiossidanti, sostanze che aiutano l'organismo a proteggersi dall'invecchiamento cellulare e, quindi, da tutte le malattie che ne possono derivare, in particolare neoplasie e problemi cardiovascolari. Gli alimenti antiossidanti non possono quindi mancare in una dieta sana ed equilibrata. In particolare, essendo ricco di betacarotene, il frutto della passione aiuta a proteggere la pelle dagli agenti atmosferici e dall'invecchiamento. Il frutto della passione è particolarmente digeribile. È" inoltre, molto ricco di pectina, una fibra alimentare solubile, contenuta in grandi quantità ,anche in mele e pere, che favorisce la regolarità intestinale. La maracujà aiuta, quindi, a combattere la stipsi e a preservare il colon. Grazie alla sue caratteristiche è utile nella prevenzione della colite; può, inoltre, apportare qualche beneficio in chi soffre di gastrite. La pectina contenuta nel frutto della passione forma nello stomaco una sostanza simile alla gelatina che sazia e ritarda l'assorbimento dei carboidrati; ha, inoltre, un effetto benefico sulla metabolizzazione dei grassi e sull'accumulo del colesterolo.

PAPAYA
La papaya è un frutto dalle mille qualità e apporta benefici a tanti organi. Le proprietà della papaya lo rendono un frutto appetibile sotto molti punti di vista. Non sappiamo precisamente dove abbia avuto origine: Malesia e Messico sono le due ipotesi più accreditate. Si coltiva nei paesi tropicali; il clima ideale per la sua crescita è, infatti, caldo umido. Nonostante venga da lontano si trova piuttosto facilmente nei nostri supermercati; per essere certi di acquistare una papaya di buone qualità e maturata naturalmente è, però, più indicato prenderla nei negozi specializzati in frutta esotica. La papaya matura soprattutto nei mesi più caldi; in realtà, però, l'albero produce i frutti anche nelle altre stagioni, ecco perché possiamo trovarla quasi sempre. Le proprietà nutritive della papaya Dolce e soffice come il burro, la papaya è composta principalmente da acqua; ha, inoltre, una buona quota di carboidrati. Contiene tanta vitamina C e poi ancora vitamina A, vitamina E, vitamina K, acido folico, magnesio, potassio, rame, acido pantotenico, flavonoidi. Anche i semi sono edibili; alcune delle proprietà della papaya dipendono proprio dalla composizione dei semi.
La papaya, specie quando completamente matura, contiene una buona quota di sostanze con proprietà antiossidanti, note per la capacità di proteggere l'organismo dall'invecchiamento cellulare. L'assunzione regolare di alimenti antiossidanti aiuta a proteggersi meglio da tutte quelle malattie che hanno tra le cause proprio l'invecchiamento cellulare, soprattutto tumori e disturbi cardiovascolari La papaya è una valida alleata della salute del cuore. Le sostanze antiossidanti della papaya aiutano a prevenire l'ossidazione del colesterolo. La papaya, specie quando non è completamente matura, contiene papeina, un enzima che agisce allo stesso modo dei succhi gastrici aiutando, quindi, la digestione; questa caratteristica lo rende un frutto indicato, per esempio, alla fine di un pasto abbondante. Le fibre contenute nella papaya aiutano la regolarità dell'intestino.

LIMONE
Il nostro amato Limone ha proprietà davvero straordinarie. Scopriamo insieme i benefici del limone. Il Limone è una pianta che tutti conosciamo e molti di noi, giustamente, apprezzano molto. L'albero di limone appartiene alla famiglia delle Rutacee e può arrivare ad essere alto fino a 6 metri. Ciò che viene utilizzato e apprezzato di questo albero sono i frutti, dalla forma ovale e il tipico colore giallo. Le proprietà e i benefici del limone lo rendono adatto a una infinità di utilizzi: culinari, terapeutici e ... per la pulizia della casa. Questo frutto in realtà è originario dell'Asia ma fu importato dagli arabi nel bacino mediterraneo già quasi mille anni fa. Oggi l'Italia occupa il primo posto nella produzione mondiale di questo agrume. Proprietà e benefici del limone Il limone, grazie alle sue svariate proprietà, viene largamente utilizzato a scopi terapeutici. I benefici del limone sono dati principalmente dall'acido citrico, limone ne, pinene, vitamina C. Il limone però contiene altre sostanze benefiche come vitamina A, B, PP, fosforo, calcio, rame, manganese e zuccheri. L'alto contenuto di vitamina C (100 gr di frutto fresco ne contengono quasi 50 mg) conferisce al limone ottime proprietà antiossidanti, svolgendo un'importante azione contro i radicali liberi, responsabili dell'invecchiamento cellulare e di malattie degenerative. Grazie all'alto contenuto di vitamina C inoltre il limone gode proprietà antiscorbutiche ed è un eccezionale rimedio nelle manifestazioni emorragiche dovute ad avitaminosi (carenza di vitamine). Il limone ha proprietà depurative e disintossicanti e l'assunzione del succo di mezzo limone al mattino a digiuno ha effetti riequilibranti per l'intestino. L'acidità del limone inoltre facilita la formazione di carbonato di potassio, utile contro l'acidità gastrica. La buccia di un limone bollita per 10 minuti in acqua è un buon rimedio anche contro la nausea, meteorismo e mal di stomaco. Solitamente si pensa che il limone possa causare acidità gastrica e irritazione allo stomaco. In realtà il succo limone nel nostro organismo porta alla formazione di carbonati alcalini, avendo quindi un effetto benefico contro l'acidità gastrica. Il limone quindi non presenta particolari controindicazioni e può essere assunto anche dai bambini o donne in gravidanza. Evitare di aggiungere il succo di limone in acqua bollente: la vitamina C è termolabile, si rischierebbe quindi di compromettere le proprietà del limone.

IL MELOGRANO
Il melograno è rinomato per essere un potente antiossidante. Le proprietà del melograno lo rendono un frutto molto apprezzato in tutto il mondo. Originario dell'Asia occidentale, la melagrana cresce bene nelle zone a clima mite ma può essere coltivato anche in quelle con clima più fresco (purché sia coltivato il posizione riparata). I melograni, della grandezza di una mela, presentano una buccia coriacea gialla e contengono alloro interno numerosi semi e una polpa succosa, leggermente aspra. Il melograno è ricchissimo di antiossidanti, vitamina C (un solo melograno contiene quasi il 20% dell'intero fabbisogno di un uomo adulto), vitamina K, vitamina B, vitamina A, proteine, carboidrati e grassi. Il melograno inoltre è ricco di potassio, che aiuta a svolgere correttamente le funzioni cellulari. Questo frutto è anche ricco di altri minerali, tra cui ferro, calcio, magnesio, fosforo e, in misura minore, manganese e zinco. Il melograno ha poche calorie: circa 60 Kcal per 100 grammi di prodotto. Le antocianine contenute nel succo di melograno sono in grado di svolgere un'azione protettiva nei confronti dei danni da raggi UV, una delle cause principali del cancro alla pelle. Il melograno protegge il cuore: il suo succo può agire come anticoagulante riducendo il rischio di arteriosclerosi. Esso svolge anche un'azione di prevenzione nelle malattie cardiovascolari.
Il consumo regolare di succo di melograno aiuta anche a ridurre il colesterolo LDL, e aumentare il colesterolo HDL, migliorando ulteriormente la salute del cuore. Il melograno grazie alla capacità di ridurre i coaguli del sangue e facilitarne la circolazione, può contribuire a creare un aspetto più giovanile. Protegge la pelle e contribuisce alla rigenerazione delle cellule, favorendo la riparazione dei tessuti.
Grazie agli antiossidanti e le vitamine presenti, il melograno rallenta i processi di invecchiamento cellulare e riduce l'iperpigmentazione, macchie di età e rughe. Il succo di melograno è anche un valido aiuto in caso di acne e pelle grassa. Per la sua efficacia nella cura estetica il melograno rientra in molti cosmetici per la pelle e i capelli. Recenti studi hanno dimostrato che bere un bicchiere di succo di melograno tutti i giorni regala un effetto barriera sullo sviluppo dell'alzheimer.

SAMBUCO
Le bacche di sambuco contengono acqua all' 80%, carboidrati, proteine, fibre, diversi sali minerali e vitamine A, C e alcune vitamine del complesso B. Il Sambuco trova le migliori applicazioni nelle infiammazioni delle vie urinarie e delle vie respiratorie. La corteccia di Sambuco è molto utilizzata per le sue ottime proprietà diuretiche e lassative. I fiori di Sambuco vengono utilizzati anche per uso esterno, per preparare cataplasmi, impacchi e bagni, consigliati in caso di Erisipela o Reumatismi. Nella tradizione popolare il sambuco viene chiamato "aspirina naturale" per via dell'effetto sudorifero che provocano i fiori e viene usato in calde tisane per combattere il raffreddore, l'influenza e i reumatismi. Se abbinato al Tiglio o al Salice il Sambuco aumenta la sua potenzialità curativa contro l'influenza.

ACEROLA
L'acerola è considerata una delle fonti più importanti di vitamina C. Parliamo di 1.000/1.500 mg per 100 grammi di prodotto, quasi 20 volte più degli agrumi. Grazie alla sua composizione l'acerola stimola il sistema immunitario, ed è quindi indicata per prevenire e velocizzare la guarigione dai malesseri tipici dell'inverno, stati influenzali e infezioni del tratto respiratorio. Inoltre un consumo regolare di questo frutto, migliora lo stato di benessere generale, soprattutto nei mesi più freddi. Per la sua proprietà stimolante inoltre, l'acero la è indicata anche negli stati di convalescenza. Recenti studi hanno messo in luce una interessante proprietà dell' acerola: pare che una somministrazione costante di succo di acerola possa far diminuire significativamente il tasso di glucosio e trigliceridi nel sangue mentre contribuisce ad aumentare i valori di colesterolo HDL, quello buono, ponendo le basi per creare una potenziale strategia di prevenzione del diabete e delle malattie cardiovascolari. Grazie alle sue proprietà astringenti, l'acerola è un buon rimedio contro diarrea. In passato infatti veniva utilizzata dagli abitanti della foresta amazzonica proprio per favorire il benessere intestinale.

ALCUNI TIPI DI VERDURA E PROPRIETÀ

SPINACI
Sono ricchi di proprietà, contrastano l'invecchiamento, sono amici degli occhi e del cuore. Gli spinaci sono originari delle Indie, ma ormai sono diffusissimi anche nel nostro continente dove crescono rigogliosi nella stagione invernale. Nonostante si tratti di un frutto tipicamente invernale però gli spinaci sono reperibili ogni giorno dell'anno nei supermercati più forniti sia freschi che surgelati. AI contrario di tante altre verdure, gli spinaci possono essere consumati congelati in massima tranquillità perché il processo di surgelamento non altera la loro composizione. Spinaci: proprietà Gli spinaci sono ricchi di ferro, anche se a dire il vero esistono vegetali con percentuali più elevate come le lenticchie. Quello che certamente hanno più di altre verdure sono le proteine, l'acido folico, i minerali come calcio, magnesio e fosforo e anche un'alta percentuale di acido ossalico un acido che rende difficilmente digeribile il ferro degli spinaci dal nostro organismo. Per ovviare il problema si possono assumere spinaci crudi o cotti conditi con abbondante succo di limone. Ricordiamo che gli spianaci si coltivano a stretto contatto col terreno e quindi è necessario che siano ben lavati prima di essere consumati. Gli spinaci hanno proprietà varie:
alto potere purificante anche nei confronti del sangue; contengono molta clorofilla e quindi sono in grado di 'fissare' il calcio il che li rende utili sia nel periodo della dentizione che per le ossa. Inoltre sono ricchi di vitamina K sostanza perfetta per la salute delle ossa. Gli impacchi a base di spinaci sono indicati in caso di eritemi e scottature. Grazie alle alte concentrazioni di luteina gli spinaci hanno proprietà utili per la vista in particolare interessando la retina. I numerosi minerali presenti negli spinaci aiutano il cuore. Gli spinaci sono ricchi di acido folico e quindi aumentano la produzione di globuli rossi.

CAVOLO
Semplice quanto diffuso il cavolo è principe nelle tavole invernali. Ricco i vitamine e minerali è ottimo sia crudo che cotto, ma sempre meglio scegliere cotture brevi per evitare di disperderne i nutrienti. Antitumorale, antiossidante, ricco di fibre, il cavolo andrebbe gustato almeno 3 volte a settimana e può essere somministrato al posto della carne grazie al suo apporto proteico elevato. I vari tipi di cavolo vengono classificati in base alle foglie, alle gemme, alle infiorescenze e ai fusti. I cavoli sono ricchi di proteine e minerali e hanno potere anticanceroso.11 cavolo è ricco di minerali: ferro, magnesio, zolfo ne sono i principali componenti. Lo zolfo in particolare è il responsabile del cattivo odore che emanano i cavoli durante la cottura. Il cavolo è anche ricco di vitamina C al punto che in tempi antichi veniva somministrato ai migranti per preservarli dalle infezioni dello scorbuto. Il cavolo è un antiinfiammatorio naturale e quindi è utile per combattere artrite e patologie cardiache.
I vegani assumono cavolo al posto della carne perché ha molto ferro, in percentuali decisamente superiori anche al manzo. Inoltre contiene anche moltissimo calcio, in quantità superiori che nel latte. Le proprietà benefiche del cavolo aiutano il sistema immunitario a combattere malattie e attacchi di germi e batteri. Il cavolo è ricco di fibre elementi indispensabili per una corretta funzionamento di cuore e intestino. Grazie alla presenza massiccia di flavonoidi il cavolo contribuisce a prevenire l'invecchiamento precoce
Alcuni componenti del cavolo regolano l'eliminazione delle tossine e aiutano il fegato a depurarsi. Inoltre è dimostrato che il cavolo sia benefico nei confronti di alcuni tipi di cancro in particolare al seno, al colon e alla vescica. Assumere regolarmente cavolo aiuta ad abbassare la pressione grazie alla presenza di amminoacidi. Inoltre il cavolo è ricco di acidi grassi, in percentuali pari a quelle dei semi di lino. È possibile preparare delle centrifughe a base di cavolfiore e consumarle in caso di raffreddamento per un sollievo immediato. Contro i disturbi intestinali è possibile bere acqua di cottura del cavolo per ripristinare la flora batterica.

FINOCCHIO
Coltivato o selvatico, crudo o cotto o ancora in tisana: il finocchio e i suoi semi, sono protagonisti della nostra tavola e apporta benefici indiscussi per l'organismo. "finocchio appartiene alla famiglia delle apiacee e il suo nome scientifico è Foeniculum vulgare. Esiste sia coltivato che selvatico: tra i due la differenza più grande è nel frutto: il finocchio coltivato produce un grumolo cioè il frutto che poi andiamo a mangiare crudo o cotto. " sapore è simile, si avvicina in ambo i casi a quello dell'anice, ma nel selvatico è più pungente. Inoltre è bene specificare che il finocchio selvatico si consuma essiccato, mentre l'altro si consuma fresco o surgelato. " periodo migliore per la produzione di finocchi è quello invernale, ma ormai si trovano tutto l'anno. Si consiglia di scegliere finocchi dal grumolo rotondeggiante perché sono più teneri. È credenza popolare che questi frutti siano i maschi, mentre quelli più stretti e allungati le femmine. il finocchio è digestivo, mangiato crudo alla fine del pasto il finocchio elimina la sensazione di pesantezza e stimola la digestione; inibisce la fermentazione dei cibi e quindi aiuta a combattere, pancia gonfia, flatulenza e meteorismo evitando che si formino gas nello stomaco; grazie alle proprietà antiinfiammatorie il finocchio è depurativo per fegato e intestino. Inoltre il finocchio è consigliato per le donne che allattano perché stimola la produzione di latte, grazie soprattutto alle late percentuali di acqua in esso contenute. Inoltre si usa per combattere la tosse e i fastidi ad esso legati, sotto forma di decotto.

BARBABIETOLA
Dal colore vivo la barbabietola è una radice particolare e decisamente salutare. Buona sia cruda che cotta viene impiegata anche come colorante naturale. Ricca di proprietà benefiche la barbabietola è ricostituente e antitumorale. La barbabietola, il cui nome scientifico è Beta Vulgaris appartiene alla famiglia delle Chenopodiaceae e viene coltivata nei paesi miti nel periodo estivo. La pianta è composta da foglie a forma di cuore, fiori rossastri e piccoli frutti chiamati noci. La parte commestibile della barbabietola è la radice dal colore rosso intenso, a tratti violaceo. Si possono gustare anche le foglie. Esistono diversi tipi di barbabietola tra cui ricordiamo quella da zucchero e quella da orto (che è quella appena descritta). La barbabietola è ricca di acqua, ben 90 grammi ogni 100, ricca di sali minerali come potassio, fosforo, calcio e ferro e ricca di vitamine in particolare quelle del gruppo B (B1, B2, B3). Non mancano fibre e proteine. La barbabietola è povera di calorie: solo 19 ogni 100 grammi quindi adatta anche in caso di dieta ipocalorica. Le barbabietole rosse sono ricche di fibre e quindi aiutano l'intestino a lavorare nel modo giusto. Non sono solo queste però le proprietà della barbabietola. Tra le tante ricordiamo, l'alto contenuto di ferro che aiuta a combattere anemia; aiutano in caso di ipertensione: i nitrati contenuti nella barbabietola aiutano ad abbassare la pressione; Sono rinfrescanti; grazie all'alto contenuto di minerali; fanno bene alla circolazione: grazie alle antocianine contenute nella barbabietola, il suo consumo apporta benefici al sistema cardiovascolare; la barbabietola stimola la produzione di succhi gastrici; è ricca di antiossidanti e flavonoidi che allontanano i radicali liberi. Esistono studi che danno alle barbabietole proprietà antitumorali, in particolare per il tumore del colon. Sembra proprio che il succo di barbabietola sia perfetto per prevenire la formazione del cancro.

POMODORO
Il pomodoro è diffuso in tutto il mondo. Ricco di sostanze nutritive e vitamine è perfetto ad ogni età. Versatile e di facile reperimento è fonte di antiossidanti naturali. Originario del sud America il pomodoro è probabilmente la verdura più conosciuta al mondo dopo la patata. Ricco di vitamine e minerali è poco calorico e adatto per essere assunto da grandi e piccini (purché non in soggetti allergici al nichel, elemento di cui è molto ricco). Si tratta di un vegetale prettamente estivo che cresce in zone assolate e ha bisogno di poca acqua per diventare rigoglioso. Tuttavia oggi, grazie alle moderne tecnologie, è possibile trovare pomodori freschi durante tutto l'anno (anche se il nostro consiglio è quello di consumare possibilmente frutta e verdura di stagione). Il pomodoro può essere gustato crudo, essiccato o cotto, ma al contrario di altri vegetali, è cotto che esalta le sue proprietà benefiche.
Esistono tantissime specie di pomodoro, molte a livello regionale ottenute grazie all'ibridazione dei semi: San Marzano, insalatario, piccadilly, fiorentino sono solo alcuni dei tipi più diffusi nel nostro paese. Pomodoro: proprietà nutrizionali Il pomodoro è ricco di vitamine e minerali che gli conferiscono proprietà benefiche per l'organismo. Tra le tante caratteristiche del pomodoro ricordiamo che si tratta di un frutto: Forse non tutti sanno che il pomodoro è un ottimo digestivo perché aiuta l'intestino a lavorare al meglio grazie alla presenza massiccia di fibre. Il pomodoro è molto ricco di acqua e quindi è in grado di stimolare la diuresi. Per un effetto completo si consiglia di consumarlo crudo e senza sale. Il pomodoro aiuta a prevenire l'osteoporosi grazie all'apporto di Iicopene e aiuta anche a tenere lontano il colesterolo. La alta percentuale di beta carotene presente nel pomodoro lo rende un elemento perfetto per proteggere occhi e vista. Il pomodoro è ricco di vitamina C. Pensate che è consigliato di consumare ogni giorno 45 mg di vitamina C e in 100 grammi di pomodoro ce ne sono 25, mentre in 100 grammi di conserva di pomodoro ben 43! Ricco di licopene il pomodoro è un antiossidante potentissimo. La quantità di licopene si concentra soprattutto nella buccia. E' dimostrato che il pomodoro ha proprietà antitumorali per il colon e la prostata. Forse non tutti sanno che il pomodoro è un elemento dimagrante perché il consumo aiuta a accelerare il metabolismo trasformando i Iipidi in energia. Pomodoro: controindicazioni Il pomodoro è mal tollerato da chi è allergico al nichel, ma anche da chi soffre di acidità gastrica. Inoltre è bene che sia mangiato ben maturo dai soggetti che soffrono di mal di testa perché il pomodoro verde contiene solanina una sostanza responsabile dell'emicrania.

CARCIOFO
Il carciofo gode di proprietà depurative e dimagranti e apporta numerosi benefici per fegato e colesterolo. Inoltre il carciofo viene considerato un alimento antitumorale. Il carciofo è ricco di potassio, ferro e altri sali minerali quali rame, zinco, sodio, ecc .. mentre ha scarso contenuto vitaminico. Le proprietà benefiche del carciofo, dovute principalmente alla cinarina, si hanno soprattutto a livello epatico. Il carciofo infatti è un potente epato¬protettore. La cinarina, che si annulla con la cottura, favorisce la diuresi e la secrezione biliare. Questa sostanza è anche in grado di abbassare i livelli di colesterolo cattivo nel sangue.
Il carciofo gode anche di proprietà digestive e diuretiche. Le dosi terapeutiche di cinarina vanno dai 60 mg a 1,5 grammi. Il che vale a dire assumere da 100 a 300 g al giorno di carciofo fresco per un periodo abbastanza prolungato. Quando le sostanze amare entrano in contatto con i ricettori della lingua stimolano un aumento della secrezione digestiva e della motilità intestinale. In caso di digestione lenta o pesante queste sostanze vanno assunte circa 15-20 minuti prima dei pasti.

ZENZERO
Tonico, stimolante, digestivo, antinfiammatorio e tanto altro .. questo è lo zenzero. Una spezia dalle grandissime proprietà curative. Ricco di proprietà, lo Zenzero (Zingiber officinale Roscoe), conosciuto anche con il nome inglese Ginger, è una pianta erbacea perenne, alta circa 90cm e appartenente alla famiglia delle Zingiberacee. Originario dell'India e della Malesia, viene coltivato nelle zone a clima tropicale, mentre non è possibile la coltivazione in Italia a causa del clima. La pianta del Ginger presenta un fusto sotterraneo, formato da un rizoma ramificato da cui nascono i fusti vegetativi. La parte medicinale dello zenzero è proprio il rizoma (che la maggior parte delle persone lo chiama erroneamente radice), ricco di olio essenziale, gingerina, zingerone, resine e mucillagini. Lo zenzero contiene acqua, carboidrati, proteine, amminoacidi, diversi sali minerali tra cui manganese, calcio, fosforo, sodio, potassio, magnesio, ferro e zinco, vitamine del gruppo B, vitamina E e olio essenziale. Lo zenzero infatti avrebbe una funzione protettiva contro i tumori del colon retto. Lo zenzero fa bene a tutto l'apparato digerente ed è molto utile anche contro la gastrite e ulcere intestinali. I principi attivi dello zenzero infatti sono molto efficaci contro l'Helicobacter pylori, il batterio responsabile proprio delle ulcere allo stomaco. Inoltre lo zenzero stimola la digestione, combatte la diarrea e aiuta l'eliminazione dei gas intestinali. In caso di stati influenzali. Lo zenzero è da millenni utilizzato dalle popolazioni asiatiche per combattere raffreddore e febbre. E' un valido aiuto anche contro tosse e catarro. Grazie alle sue proprietà antisettiche e antinfiammatorie inoltre, lo zenzero è di grande aiuto anche in caso di infiammazioni alla gola (faringite, laringite, ecc .. ).
Recenti studi hanno dimostrato che lo zenzero, grazie alle sue spiccate proprietà antinfiammatorie, allevia il mal di testa, riduce efficacemente i dolori articolari e muscolari e allevia le infiammazioni di stomaco ed esofago. Il rizoma di zenzero è un buon anticoagulante e come tale contribuisce a ridurre la formazione di coaguli nelle arterie, diminuisce la pressione arteriosa e infine abbassa i livelli di colesterolo nel sangue.

ORTICA
L'ortica contiene flavonoidi, cumarina, acidi fenolici, tannini, polisaccaridi, minerali (calcio, potassio, ferro e silicio) e vitamine A e C. A scopo curativo si utilizzano principalmente le foglie e le radici secche. Le foglie di ortica svolgono un'azione tonica, depurativa e diuretica. Le stesse alleviano i disturbi urinari e i dolori articolari. Il succo di ortica (facilmente reperibile in erboristeria) è indicato anche in caso di diarrea cronica, anemia, gotta, ipertrofia prostatica e flusso mestruale abbondante. Sempre il succo di ortica è utile anche come rimedio a ulcere di stomaco e intestino. Recenti studi scientifici inoltre hanno messo in luce buone proprietà antidiabetiche dell'ortica. I risultati su 20 studi condotti sia su animali che sugli uomini hanno dimostrato che l'utilizzo di ortica ha un effetto ipoglicemizzante con effetti benefici in caso di diabete di tipo 2. E' altresì dimostrato in laboratorio che l'estratto di radice di ortica svolge un'azione antitumorale, in particolare contro il tumore alla prostata. L'ortica è anche un rimedio tradizionale contro le allergie primaverili, inibendo i processi infiammatori propri di questi disturbi. Inoltre l'ortica svolge un'azione alcalinizzante dell'interno organismo. Ma le proprietà dell'ortica non si limitano solo all'utilizzo interno.
Sono note infatti le proprietà benefiche che questa pianta svolge sui capelli. In campo cosmetico l'ortica è utilizzata per combattere la forfora e la caduta dei capelli, svolgendo un'azione stimolante della circolazione cutanea. Lozioni all'ortica sono indicate anche contro i capelli grassi.

LE SPEZIE NEI CENTRIFUGATI

I centrifugati di frutta e verdura con un pizzico di spezie sono salutari e piacevoli da bere. Con un bicchiere di centrifugato si assumono vitamine, fibre, sali minerali e naturalmente acqua. In generale sono disintossicanti, rendono la pelle più luminosa, hanno un effetto drenante ed energetico.
- Le spezie renderanno più digeribili i centrifugati e non vi daranno un senso di gonfiore allo stomaco (finocchio, anice e cardamomo)
- ridurranno i fenomeni fermentativi dovuti ad alcune verdure (cumino) aumenteranno l'effetto dimagramento, innalzando il metabolismo (pepe, peperoncino) - miglioreranno il sapore del vostro centrifugato rendendolo più piacevole da bere (cannella, anice stellato, zenzero)
- renderanno superfluo l'uso di sale e pepe con la loro ricchezza di sapori.
- Beveteli appena fatti per non perdere le vitamine contenute che si degradano rapidamente, come accade per le spremute.
- mescolate frutta e verdure alternando ai gusti acidi o molto vegetali quelli dolci per evitare di zuccherare il composto
- se desiderate una bevanda dolce oltre che aggiungere cannella e noce moscata aggiungete un cucchiaino di miele
- a tutti i centrifugati di frutta potete aggiungere del latte per avere l'effetto cremoso del frullato e del frappè
- usate frutta e verdura mature per beneficiare in pieno dei principi attivi contenuti.

A seconda dell'orario della giornata scegliete centrifugati diversi: al mattino quelli energetici e disintossicanti; a pranzo quelli ricchi di minerali e vitaminici; a metà pomeriggio quelli più zuccherini, per togliere il senso di fame.
Per ridurre gli scarti, la polpa avanzata dalla centrifugazione se è di verdura può essere congelata per essere aggiunta a un minestrone; se è di frutta può essere usata per un rapido sorbetto.

Ecco qualche esempio di centrifugato speziato:

Avocado, sedano, lime e zenzero
Ottimo per spezzare la fame a metà pomeriggio. Mezzo avocado da centrifugare con 4 gambi di sedano e un lime. Per renderlo ancora più fresco aggiungete della mentuccia e dello zenzero tritato.

Sedano, cetriolo e zenzero
Un risveglio speziato per pulire il palato e prepararlo alla prima colazione. Centrifugare 1 gambo di sedano bio, 1 cetriolo bio e 2 cm di radice di zenzero. Attenzione lo zenzero dà un sapore forte se non siete abituati usatene meno.

Ananas, carote, pepe di Cayenna e zenzero
L'ananas è l'unica fonte di bromelina, un enzima che ha forti proprietà antiinfiammatorie, le carote sono una fonte di vitamina C e il pepe accelera il vostro metabolismo. Centrifugate 2 tazze di ananas a pezzi, 2 carote, 2 gambi di prezzemolo e 1 cm di zenzero. Versate e aggiungete una macinata abbondante di pepe di Cayenna.

Spinaci, zenzero e cardamomo
Energetico e depurativo. 100 gr di spinaci baby, un cetriolo, due gambi di sedano, mezza mela verde, un centimetro di zenzero spelato e un cucchiaino di cardamomo in polvere. Centrifugate e aggiungete il succo di limone a piacere.

Mela, zucca e mix di spezie
Energetico, vitaminico (perché ricco di beta carotene vitamina C, A ed E; manganese, magnesio e potassio; molto autunnale e festoso nei colori. Pulite e tagliate a pezzi il cuore di una zucca, 2 mele e centrifugate aggiungendo 1 cucchiaio di spezie miste per zucca (cannella, noce moscata, zenzero e pimento tritate finissime). Aggiungete se volete un cucchiaio di miele. Bagnate l'orlo dei bicchieri con il miele e spargetevi le spezie. Versate il centrifugato e bevete. Potete aggiungere anche il succo di una arancia.

Pompelmo, mela, papaia e cannella
Effetto anti fame assicurato. Centrifugate un pompelmo rosa, una mela verde, mezza papaia e un pizzico di cannella

Arance, carote e zenzero
Contro la cellulite e per proteggere la pelle dai raggi solari. Prendete 5 carote, 2 arance, una mela verde e 2 cm di zenzero fresco. Centrifugate tutto e aggiungete qualche foglia di menta fresca.

Ananas, mele, sedano e noce moscata
Rinfrescante e depurativo. Mettete nella centrifuga due fette di ananas fresco, due gambi di sedano, una mela e un cucchiaino di noce moscata.

Pera, mela e cannella
Semplice, dissetante e gustoso. Mettete nella centrifuga 2 mele e 2 pere mature, alla fine aggiungere un cucchiaino di succo di limone e mezzo cucchiaino di cannella.

Pompelmo, cetriolo e cardamomo
Rinfrescante e drenante. Mettere la polpa di mezzo pompelmo nella centrifuga con un cetriolo sbucciato, 5 foglie di menta fresca e un cucchiaino di cardamomo in polvere. Fragole, pesca, anguria e garam masala Dolce anche senza zucchero. Mettete nella centrifuga una decina di fragole, una pesca, una fettina di anguria e un cucchiaino di garam masala che darà il tocco speziato.

Kiwi, sedano, melone giallo e semi di finocchio
Dissetante e drenante. Mettete due kiwi, due gambi di sedano e due fettine di melone giallo nella centrifuga e semi di finocchio macinati.

Carote, mango, arance e cannella
Abbronzante e vitaminico. Centrifugare 4 carote, mezzo mango e mezzo arancio e un pizzico di cannella per accentuare il sapore dolce.

Prugne, lamponi, mirtilli e cannella
Per combattere la fragilità venosa e i capillari. Mettete 4 susine nella centrifuga con tre cucchiai di lamponi e tre di mirtilli, aggiungete alla fine il succo di mezzo limone e un pizzico di cannella.

Anguria, cetriolo, basilico e cardamomo
Dolce, diuretico e dissetante. Centrifugate 1 fetta di anguria e un cetriolo, aggiungete un paio di foglie di basilico e il succo di mezzo limone. Ottimo d'estate.

Melone, pesche e zafferano
Depurativo e antiossidante. con Centrifugate due pesche, mezzo melone e mezzo cetriolo, aggiungete un pizzico di zafferano.

1. Succo del mattino con frutta invernale a basso indice glicemico:

Ingredienti: 100 g per ciascun ingrediente, le percentuali si equivalgono, cambiare in base alla dose desiderata.

Fragole
Melone polpa
Arancia polpa
Kiwi polpa
Mela intera
Limone polpa e intero

Procedimento:
Estrarre il succo dall’estrattore dopo che la frutta è stata accuratamente pulita, lavarla. Consigliabile raffreddare il prodotto prima di essere lavorato.
Come dolcificante usare Stevia Rebaudiana, manna, sciroppo d’agave.

Commento:
I centrifugati sono un valido contributo nei mesi freddi per combattere i mali di stagione e per affrontare i cambiamenti climatici durante il passaggio dall’autunno all’inverno, facendo il pieno di vitamine e sali minerali e spazzando via le tossine. Gli ingredienti variano a seconda del mese e di quello che ci offre il mercato, considerando che è sempre meglio scegliere frutta e verdura di stagione. Alcuni ingredienti sono ormai disponibili tutto l’anno, come il sedano, lo zenzero, le mele, le pere, utili per rendere il sapore più gradevole.

Ripartizione dei macronutrienti:

2. Succo del mattino con frutta estiva a basso indice glicemico:

Ingredienti: 100 g per ciascun ingrediente, le percentuali si equivalgono, cambiare in base alla dose desiderata.

Pesche senza osso
Cocomero polpa
Ciliegie
Kiwi polpa
Mela
Limone polpa e intero

Procedimento:
Estrarre il succo dall’estrattore dopo che la frutta è stata accuratamente pulita, lavarla. Consigliabile raffreddare il prodotto prima di essere lavorato.
Come dolcificante usare Stevia Rebaudiana, manna, sciroppo d’agave.

Commento:
L’estate in alcuni casi fa ridurre l’appetito e crescere la voglia di cibi freschi e dissetanti, i centrifugati di frutta e verdura sono la soluzione ideale per dissetarci e per reintegrare tutte le vitamine e i sali minerali che abbiamo perso con la sudorazione, per una merenda sana. Il caldo aumenta la sudorazione e la spossatezza: il nostro organismo ha incredibilmente bisogno di alimenti rigeneranti ed energizzanti. Dimenticate le bevande a base di coloranti e zuccheri che, al di là del sollievo immediato, lasciano ancora più sete. Una buona soluzione la troviamo al banco della frutta e verdura, ma in una soluzione originale e appetitosa.

Ripartizione dei macronutrienti:

3. Succo alcalino macrobiotico:

Ingredienti:

Alghe arame o wakame 25%
Patate 40%
Anacardi in pasta (crema) 10%
Prugne umeboshi 5%
Miso di riso bianco (shiro miso) 5%
Prezzemolo 10%
Aglio 5%

Procedimento:
Ammollare le alghe almeno 2 ore precedenti all’estrazione.
Estrarre il succo dall’estrattore dopo che la frutta è stata accuratamente pulita, lavarla. Consigliabile raffreddare il prodotto prima di essere lavorato.
Come dolcificante usare Stevia Rebaudiana, manna, sciroppo d’agave.

Commento: 
Quando l'organismo metabolizza gli alimenti per estrarre energia si ottiene un residuo, che può essere acido o alcalino (o neutro) e può influenzare direttamente l'acidità del corpo. Un pH acido del corpo si è studiato renda più vulnerabili alle malattie, mentre cibi alcalini vengono considerati protettivi. È importante ricordare che il valore pH varia all'interno del nostro corpo. Alcune parti sono acide mentre che altre sono alcaline. Non vi è alcun livello standard. Per questo motivo, il corpo ha molti meccanismi efficaci per regolare attentamente l'equilibrio del pH nel corpo. Questo equilibrio noto come acido-base può essere incentivato dall’alimentazione.

Ripartizione dei macronutrienti:

4. Succo alcalino estivo:

Ingredienti:

Melone 30%
Lamponi 30%
Nettarine (albicocche) 30%
Zenzero 3,3%
Anacardi pasta 3,3%
Lime 3,3%

Procedimento:
Preparare la centrifuga e stemperare al suo interno la pasta di anacardi.
Estrarre il succo dall’estrattore dopo che la frutta è stata accuratamente pulita, lavarla. Consigliabile raffreddare il prodotto prima di essere lavorato.
Come dolcificante usare Stevia Rebaudiana, manna, sciroppo d’agave.

Commento:
Per ottimizzarne le proprietà alcalinizzanti è consigliabile consumare verdura cruda e frutta fresca trasformandola in ottima bevanda utilizzando un valido estrattore di succo. E’ considerato ottimale il consumo di circa un 80% di cibi alcalini e un 20% di cibi acidificanti, tra cui le noci e i semi (preferibilmente ammollati e/o germogliati) evitando, come sempre, zuccheri e ingredienti raffinati, caffè, alcoolici e bevande gassate. Inoltre consumare acqua minerale leggermente alcalina aiuterà ad ottimizzare le funzioni del corpo.

Ripartizione dei macronutrienti:

5. Centrifugato depurativo:

Ingredienti:

Barbabietole senza buccia 30%
Carote medie, circa 3 70%
Zenzero un pezzetto fresco

Procedimento:
Estrarre il succo dall’estrattore dopo che la frutta è stata accuratamente pulita, lavarla. Consigliabile raffreddare il prodotto prima di essere lavorato.
Come dolcificante usare Stevia Rebaudiana, manna, sciroppo d’agave.

Commento:
Questo centrifugato favorisce una naturale depurazione dell’organismo, inducendo l’eliminazione delle sostanze tossiche presenti nel nostro corpo.
Il centrifugato depurativo svolge una potente azione depurativa a carico dei reni, del fegato e del sangue. La barbabietola è rinomata per le sue qualità depurative, nel nostro organismo infatti assorbe le tossine dalle cellule e ne facilita l’eliminazione.
Grazie allo zenzero, questo centrifugato gode di buone proprietà antinfiammatorie e, se bevuto prima di un viaggio in macchina, aiuta ad alleviare il mal d’auto.
Il contenuto di beta-carotene infine, combatte l’azione dei radicali liberi e rinforza il sistema immunitario.

Ripartizione dei macronutrienti:

6. Succo nigrum e sambuco:

Ingredienti: per 4 persone

Succo di sambuco- pere senza buccia 30%
Mirtilli 20%
More 20%
Ribes nero e rosso 30%
Se cocktail : con aggiunta di Porto, Shiraz o Marsala oppure grattugiare finemente della noce moscata.

Procedimento:
Preparazione 5 minuti.
Preparare la centrifuga e stemperare al suo interno la pasta di anacardi.
Estrarre il succo dall’estrattore dopo che la frutta è stata accuratamente pulita, lavarla. Consigliabile raffreddare il prodotto prima di essere lavorato.
Come dolcificante usare Stevia Rebaudiana, manna, sciroppo d’agave.

Commento:
Il sambuco (Sambucus nigra), è una pianta selvatica della famiglia delle Caprifoliaceae, molto comune in tutta Europa. Il nome sambuco deriva dalla parola greca “sambuché“, che significa strumento musicale. Il motivo è che nell'antichità dai rami cavi del sambuco si ricavava una specie di flauto.
La pianta può raggiungere i 4-6 metri d'altezza e cresce rigogliosa sia a bassa che ad alta quota. Il sambuco cresce infatti spontaneo un po' ovunque: lo si trova facilmente nei boschi, nei parchi, vicino ai fiumi, nelle radure e a ridosso delle strade e aree urbane. La pianta fiorisce in primavera, tra aprile e giugno, con dei piccoli fiori bianchi, raccolti in corimbi ampi, molto profumati. Tra agosto e settembre maturano invece i frutti, delle bacche succose dal sapore un po' aspro, raccolte in grappoli e di colore violaceo scuso, nero quando arrivano a maturazione.
Le parti del sambuco, utilizzate ai fini terapeutici, sono le foglie, la corteccia e soprattutto i fiori. Anche le bacche hanno interessanti proprietà terapeutiche e una discreta dose di nutrienti. Le bacche di sambuco contengono un 80% circa di acqua, 15% carboidrati, il resto fibre, proteine e ceneri. Sono inoltre presenti vitamine A, discrete quantità vitamina C e alcune vitamine del complesso B.

Ripartizione dei macronutrienti:

7. Succo ginger:

Ingredienti:

Carote 50%
Mela golden piccola 20%
Fette di zenzero fresco 5%
Arancia 15%
Lime 5%
Sciroppo aromatico (300g acqua + 200 g zucchero) 5%

Procedimento:
Estrarre tutti i prodotti e servire.
Sciroppo aromatico 300 g di acqua, 200 g di dolcificante o zucchero. Far bollire con aromi e spezie come chiodi di garofano, pepe, cannella, anice, finocchio.

Commento:
Lo zenzero (Zingiber officinalis), una pianta perenne che cresce tipicamente nei climi tropicali ed in particolare in Asia Orientale. La radice aromatica dello zenzero, di aspetto bitorzoluto e colore giallastro, racchiude una polpa soda e bianca, estremamente saporita e dalle molte virtù. Lo zenzero viene infatti coltivato come pianta officinale e consumato a fini terapeutici fin da tempi antichissimi: non solo stimola la digestione e la circolazione, ma è noto per l'azione antiulcerosa, per gli effetti benefici sulla secrezione biliare, come analgesico e battericida. È inoltre un ottimo tonico ricostituente: è infatti utile per lottare contro l'affaticamento, l'astenia e persino l’impotenza.

Ripartizione dei macronutrienti:

8. Succo antiossidante:

Ingredienti:

Kiwi 20%
Mirtilli 0%
Prugne 30%
Melograno 10%
Avocado 20%
Sciroppo di mela concentrato 10%

Procedimento:
Estrarre il succo dall’estrattore dopo che la frutta è stata accuratamente pulita, lavarla. Consigliabile raffreddare il prodotto prima di essere lavorato.
Come dolcificante usare Stevia Rebaudiana, manna, sciroppo d’agave.

Commento:
Kiwi di origine tropicale ma ormai ben radicato alle nostre latitudini, il kiwi è un antiossidante naturale ricco anche di vitamina C e contiene moltissimi polifenoli che aiutano a combattere l’invecchiamento e anche alcune malattie degenerative come il Parkinson. Il kiwi verde ha buone proprietà, ma è quello giallo (qualità gold) che contiene la più alta percentuale di antiossidanti naturali. La stagione perfetta per gustarlo è da novembre a giugno.
I mirtilli sono ricchi di flavonoidi che aiutano a prevenire il cancro e le malattie cardiovascolari. Si consiglia di gustarli a fine estate quando si possono cogliere i mirtilli selvatici che hanno maggior quantità di antiossidanti, ma si possono assumere tutto l’anno congelati o sotto forma di succo puro.
Le prugne sono un tipico frutto estivo che contiene ben 330 mg di antiossidanti. Da gustare fresco o sotto forma di succo puro. Vanno bene anche nella versione essiccata purchè non siano state lavorate con trattamenti chimici o aggiunta di conservanti.
Il melograno è un frutto autunnale ricco di antiossidanti nell’ordine di 135 mg per 100 g di semi. Meglio assumerlo fresco o in succo puro. Contiene flavonoidi ma anche acido ellagico nemico dei radicali liberi.
L’avocado non è un frutto di origine nazionale, ma facilmente reperibile ormai in qualsiasi supermercato. L’avocado è ricco di vitamina A ed E e contrasta la formazione di radicali liberi.

Ripartizione dei macronutrienti:

9. Succo antiossidante con bacche di goji:

Ingredienti:

Papaya matura 40%
Mango maturo 40%
Arancia 15%
Bacche di goji 2%
Latte in polvere di mandorle 3%

Procedimento:
Pulire il mango e la papaya dall’osso e dalla buccia, centrifugare con l’arancia.
Prima di bere inserire le bacche di goji e il latte in polvere di mandorle.

Commento:
La papaya è considerata una vera miniera di antiossidanti. Ha molte vitamine tra cui la vitamina K, acido folico, magnesio e potassio. Ha un forte potere digestivo
Il mango è un ottimo ricostituente e antistress. Contiene molti aminoacidi importanti tra cui l’arginina, la leucina e la serina.

Ripartizione dei macronutrienti:

10. Succo frutto della passione e fragole:

Ingredienti:

Succo della passione 30%
Fragole 30%
Mango 30%
Basilico 10%
Germe di grano
Sciroppo d’agave

Procedimento:
Estrarre il succo dall’estrattore dopo che la frutta è stata accuratamente pulita, lavarla. Consigliabile raffreddare il prodotto prima di essere lavorato.
Come dolcificante usare Stevia Rebaudiana, manna, sciroppo d’agave.

Commento:
Il frutto della passione o maracuja appartiene alla famiglia delle Passifloracee ed è originario del Brasile. È un alimento che apporta molti benefici soprattutto al sistema gastrointestinale e cardiovascolare.
Il basilico (Ocimum basilicum) è una pianta ricca di vitamina K e manganese, dalle importanti proprietà antinfiammatorie e antiossidanti.

Ripartizione dei macronutrienti:

11. Succo depurativo e antiossidante:

Ingredienti:
Papaya 40%
Succo di acerola confezionato 20%
Mirtilli 30%
Sciroppo di mela concentrato 10%
Semi di chia 2%

Procedimento:
Pulire la frutta e centrifugare.
Unire e miscelare il succo di acerola confezionato e lo sciroppo di mela.
Mescolare aggiungendo i semi di chia dopo aver estratto.

Commento:
L’acerola (Malpighia punicifolia) è una pianta originaria dell’America centro-meridionale, oggi coltivata soprattutto in Brasile. L’acerola è considerata una delle fonti più importanti di vitamina C, 1000/1500 mg per 100 grammi di prodotto. È ricca di carotenoidi, vitamine del gruppo B, antociani, flavonoidi e minerali come il magnesio, ferro e calcio. Stimolante del sistema immunitario, ed è quindi indicata per prevenire e velocizzare la guarigione dai malesseri tipici dell’inverno, stati influenzali e infezioni del tratto respiratorio. Inoltre un consumo regolare di questo frutto, migliora lo stato di benessere generale, soprattutto nei mesi più freddi. Per la sua proprietà stimolante inoltre, l’acerola è indicata anche negli stati di convalescenza. Il frutto dell’acerola è ricco sostanze che le conferiscono un forte potere antiossidante.
I semi di chia sono piccoli semi scuri ricavati da una pianta chiamata Salvia Hispanica, ricchi di sali minerali, vitamine e acidi grassi. Sono utilizzati da millenni nel centro e sud America, la chia viene coltivata principalmente in alcune zone del Messico e del Guatemala. I semi contengono un elevato contenuto di calcio e altri minerali, come selenio, zinco, magnesio, ferro e potassio, ma anche vitamina C e acidi grassi essenziali omega3 e omega6.

Ripartizione dei macronutrienti:

12. Succo fibra e cereali:

Ingredienti:
Kiwi 40%
Aloe vera foglie 10%
Mele 20%
Pere 20%
Semi di lino dorati o psillio 2%
Crusca di avena 10%

Procedimento:
Pelare le foglie di aloe vera e centrifugare con kiwi, mele e pere.
Unire poi i semi di lino dorati e la crusca di avena.
Da consumare dopo qualche minuto dalla preparazione.

Commento:
Le fibre sono tra i componenti alimentari maggiormente in grado di favorire i processi digestivi ed il corretto funzionamento dell'intestino. Esse sono particolarmente presenti nei cereali integrali, frutta e ortaggi. La lavorazione industriale, come la raffinazione delle farine utilizzate per la preparazione dei prodotti da forno, sottrae fibre agli alimenti. Un adeguato consumo di cibi ricchi di fibre è molto importante, poiché aiuta a combattere la stitichezza e a prevenire emorroidi e diverticolosi. Queste sostanze e gli alimenti che le contengono sono efficaci anche nella prevenzione del cancro del colon e di alcune malattie metaboliche, come diabete e ipercolesterolemia. Infine, non va sottovalutato l'effetto saziante, dal momento che queste sostanze, rigonfiandosi, aumentano il senso di pienezza gastrica. Introduzione giornaliera raccomandata: 30 grammi/die.

Ripartizione dei macronutrienti:

13. Succo abbronzante:

Ingredienti: per 1 persona

Carote con buccia 50%
Melone 20%
Pesca con buccia 30%

Procedimento:
Lavare e detergere con cura le carote e la pesca, centrifugare poi con il melone.

Commento:
Questo centrifugato abbronzate è a base di frutti gialli e arancioni particolarmente ricchi di beta-carotene che aiuta a fissare l’abbronzatura.
Il beta-carotene contenuto nelle carote stimola la produzione di melanina ed ha una funzione protettiva dagli effetti dannosi dei raggi UV, inoltre mantiene la pelle liscia e morbida, ma se si esagera con le carote il risultato sarà un colorito arancione acceso, la cosiddetta carotenemia, ovvero l’accumulo di troppo carotene nel sangue.
Anche il melone è ricco di beta-carotene, vitamina C e antiossidanti, inoltre conferisce un senso di sazietà.
Le pesche infine, stimolano la produzione di melanina per un’abbronzatura invidiabile, inoltre aiutano a mantenere la pelle elastica e giovane.

Ripartizione dei macronutrienti:

14. Centrifugato rilassante:

Ingredienti:
Spinaci o valeriana 50%
Miele 5%
Prezzemolo 10%
Sedano 35%

Procedimento:
Pulire e centrifugare, aggiungere solo alla fine il miele e mescolare bene.

Commento:
Gli spinaci ed il prezzemolo sono buone fonti di niacina, vitamina B6 e magnesio che convertono l’aminoacido triptofano in serotonina per favorire il rilassamento.
Il sedano invece contiene gli ftalidi, composti attivi che aiutano a rilassare i muscoli intorno alle arterie permettendo al sangue di fluire meglio e a tenere sotto controllo gli ormoni dello stress.
Infine zuccheriamo con il miele, una delizia per il palato e come molti già sanno un vero e proprio calmante per il cervello.

Ripartizione dei macronutrienti:

15. Centrifugato drenante:

Ingredienti:

Ananas 30%
Semi di anice 5%
Finocchio 30%
Menta 10%
Sedano 25%

Procedimento:
Lavare bene gli ingredienti;
Tagliate a tocchetti e centrifugate il sedano e il finocchio;
Di seguito aggiungete le 2 fette di ananas e centrifugate nuovamente;
Infine prima dell’uso aggiungete i semi di anice e le foglie di menta.

Commento:
Questo centrifugato ha un forte potere drenante, aiuta a combattere la ritenzione idrica e gli inestetismi della cellulite.
Il centrifugato drenante contiene buone quantità di magnesio, calcio, enzimi attivi, acido folico e potassio. Ha una azione che favorisce la diuresi e una azione anti acida dei tessuti e delle vie urinarie. Vediamo le proprietà dei singoli ingredienti: l’ananas è conosciuta per il suo potere drenante e disintossicante, i semi di anice e il finocchio sono validi alleati contro il meteorismo e la pancia gonfia, il sedano è una verdura con pochissime calorie ed è anche drenante e antiossidante, la menta infine è un buon rimedio naturale contro la ritenzione idrica.

Ripartizione dei macronutrienti:

16. Succo capillari:

Ingredienti: per 2 persone

Sedano 50%
Carote 50%
Mele fresche con buccia 50%
Fragole congelate 50%
Mirtilli rossi congelati 50%
Lamponi congelati 50%
grani di pepe rosso n 3
Sciroppo d’acero 50 g
Bacche di goji precedentemente ammollate in 5 g di succo di olivello spinoso 20 g

Procedimento:
Decongelare in frigo per 30 minuti circa.
Mescolare con un cucchiaio di legno la frutta e la verdura fresca con quella congelata, aggiungere lo sciroppo d’acero, i grani di pepe e le bacche di goji, versare il composto nel tubo di riempimento della centrifuga o estrattore e azionare a velocità 1, premere leggermente lo spingitore, aggiungere il succo di olivello spinoso e mescolare.

Commento:
La pianta del piper nigrum, una volta sbocciati i fiori, produce anche dei frutti, che sono delle piccole bacche, prive di picciolo, che contengono un unico seme. Il colore dei frutti è verde, quando sono appena nati, poi vira verso il giallo e infine il rosso. Le numerose varietà di pepe che si possono usare in cucina sono tutte derivate da queste bacche, che vengono lavorate in modi differenti, e lasciate maturare per periodi più o meno lunghi. Ad esempio, il tipo di pepe più diffuso, il pepe nero, si ottiene dai frutti ancora acerbi lasciati essiccare per sette giorni. Questo è il pepe più piccante. Il pepe bianco invece si ottiene facendo macerare i frutti ben maturi in acqua. Il pepe rosso, infine, si realizza mettendo in salamoia le bacche molto mature. Non è molto piccante, ha molte proprietà benefiche, e il suo uso è quindi consigliato non solo perché da sapore e piccantezza ad ogni piatto, ma anche perché fa bene alla salute. La piccantezza è data dalla presenza, tanto nel seme che nell'involucro del frutto, della piperina, ma oltre alla piperina contiene anche il pinene e il limonene, che gli conferiscono invece le sue proprietà aromatiche. In genere il pepe rosso riesce a sprigionare il massimo del suo aroma solo appena polverizzato: per questo in genere si serve in tavola con il macinapepe, per cospargerlo sulle pietanze al momento. Da sempre, fin dall'antichità, inoltre, il pepe è usato in fitoterapia. Infatti è utile come espettorante ed anti infiammatorio. Aiuta la digestione, ha proprietà antisettiche e diuretiche, ed anche blande caratteristiche afrodisiache.

Ripartizione dei macronutrienti:

17. Succo classico/biberon:

Ingredienti: per 2 persone
mele 60%
Carote con buccia 60%
Fragole congelate 40%
Zenzero fresco con buccia 5 g
Sciroppo d’agave 40 g

Procedimento:
Scongelare le fragole in frigo per 30 minuti circa.
Mettere tutti gli ingredienti nel tubo di riempimento della centrifuga o estrattore e azionare a velocità 1 e premere leggermente lo spingitore, aggiungere lo sciroppo d’agave e mescolare.

Commento:
Il succo o sciroppo d’agave si ricava dalla linfa dell'agave blu, appartenente alla famiglia delle Agavaceae, una pianta carnosa e gelatinosa del deserto del Messico. L'agave è piantata in territori estesi, dove i contadini la fertilizzano e la nutrono per diversi anni. Dopo i primi tre anni, le cime delle foglie vengono tagliate per accelerare la crescita e farla così maturare in 8 - 11 anni, per poter ricavare il miglior succo d'agave.

Il succo d'agave svolge un'azione remineralizzante, in quanto contiene una grande quantità di calcio, magnesio, potassio e ferro; nonostante sia composto per una buona parte da fruttosio, mantiene un indice glicemico più basso di altri zuccheri, nonché del miele stesso. Commercialmente prodotto però, il nettare di agave è ripartito in percentuale fra fruttosio e glucosio, con percentuali variabili a seconda del produttore.

Ripartizione dei macronutrienti:

18. Succo anticolesterolo:

Ingredienti: per 2 persone

Mele con buccia 50%
Finocchi freschi 50%
Uva bianca 50%
Ananas congelato 50%
Prugne denocciolate congelate 50%
Alghe arame 6 g
Spirulina in polvere 6 g
Semi di chia 6 g
Semi di lino 6 g
Sciroppo d’acero 50 g
Latte di soia al naturale 120 ml (a piacere)

Procedimento:
Decongelare in frigo per 30 minuti circa.
In un recipiente mescolare con un cucchiaio di legno la frutta e la verdura fresca con quella congelata, aggiungere lo sciroppo d’acero e le alghe arame, la spirulina e i semi di chia e lino, mescolare delicatamente il composto, versare nel tubo di riempimento della centrifuga o estrattore e azionare a velocità 1, premere leggermente lo spingitore e mescolare.

Commento:
Il latte di soia è una bevanda vegetale che si ottiene dalla soia, un legume originario dell’Asia orientale. Il latte vegetale ottenuto dalla soia è ricco di fitoestrogeni, delle molecole simili ai nostri ormoni e, nonostante l’assenza di vitamina D e la bassa quantità di calcio, sono proprio queste molecole a rendere il latte di soia un ottimo alleato per chi ha problemi di osteoporosi, patologia che spesso si presenta improvvisamente con fratture spontanee o traumatiche. Contiene una grande quantità di proteine e secondo alcuni studi sarebbe un ottimo rimedio anche contro i sintomi della menopausa quali vampate, depressione e insonnia. Il latte di soia è caratterizzato anche da un indice glicemico basso e per questo è una bevanda adatta per chi soffre di diabete.

Ripartizione dei macronutrienti:

19. Succo integratore per sportivi:

Ingredienti: per 2 persone

Patate a pasta bianca 50%
Banane 50%
Carote 50%
Sedano 50%
Mele a pezzettoni 50%
Cachi o banane 50%
Quark 100 g
Semi oleosi (noci, nocciole, anacardi) 40 g
Sciroppo d’acero 30 g
Fiocchi d’avena 20 g

Procedimento:
Sminuzzare i semi oleosi con l’aiuto di un cutter elettrico e versare in un recipiente, aggiungere la frutta e la verdura fresca, poi i fiocchi d’avena e lo sciroppo d’acero, mescolare il tutto con un cucchiaio di legno, versare il composto nel tubo di riempimento della centrifuga o estrattore, azionare a velocità 1 e premere leggermente lo spingitore. Con l’aiuto di un mixer ad immersione versare il succo ottenuto nel vaso e aggiungere il quark, quindi frullare fino a ottenere un composto omogeneo e se necessario aggiungere dell’acqua.

Commento: 
Il quark, detto in Germania anche Weißkäse, in Baviera e Austria Topfen, è un tipo di formaggio prodotto dal latte vaccino pastorizzato. In Germania l'aspetto è simile a quello della ricotta anche se i due non sono da confondere (la ricotta non è nemmeno un formaggio); alcuni tipi di quark (specialmente se miscelati a yogurt) hanno una consistenza semiliquida. Viene spesso usato come ingrediente nella pasticceria. Il quark ha un elevato contenuto di proteine circa 80% caseina e 20% proteine del siero, calcio e fosfato; il fosfato però è d'ostacolo all'assimilazione del calcio nel corpo. Il quark viene consumato fresco oppure utilizzato in cucina (la torta al formaggio viene fatta con il quark).

È consigliato consumare frutta secca come spuntino di metà mattina o metà pomeriggio in grado di agire come uno “spezza fame”. Il quantitativo consigliato può variare in base alle caratteristiche e alle attività svolte dalla persona: è evidente che uno sportivo potrà mangiare di più rispetto a una persona che lavora al computer. Generalmente comunque il quantitativo si attesta tra i 15 e i 30 grammi a seconda della tipologia di frutta secca.
Si consiglia di consumare il succo a digiuno prima della colazione; Ottimo anche per gli sportivi.

Ripartizione dei macronutrienti:

CIBI ACIDI-BASICI E ALCALINI

Per misurare quanto una sostanza è acida o alcalina si usa una scala di valori a cui viene dato il nome di "pH". Si definiscono in particolare:
Acidi, quando il pH è compreso tra O e 7,06, neutri, quando il pH è uguale a 7,07,
basici o alcalini, quando il pH è compreso tra 7,08 e 14,14. Pertanto, più basso è il pH e più è acida la sostanza in esame.
L'eccesso degli acidi nell'organismo umano possiede un'azione aggressiva, abrasiva e corrosiva sui tessuti organici. il sovraccarico o accumulo degli acidi negli individui può provenire dall' eredità familiare, o come risultato di processo metabolico di determinati alimenti ingeriti, o ancora da un non adeguato funzionamento dei sistemi di eliminazione del corpo umano.
Una persona con predisposizione all'acidificazione potrà condurre una vita perfettamente normale e con una buona salute soltanto, se cercherà di adattare il consumo di alimenti acidificanti alla sua capacità di tolleranza personale. Conoscere tutti i fattori, che favoriscono la formazione di un "terreno" acido è una necessità vitale per il benessere di questi individui.
E' importantissimo distinguere tra alimenti acidi e alimenti acidificanti o produttori di acidi. Gli alimenti acidificanti, malgrado l'apparenza neutrale o alcalina, possono generare la liberazione di una grande quantità di acidi nel processo di trasformazione catabolica nell'organismo umano.

SUCCHI, CENTRIFUGATI E INDICE GLICEMICO:

L’indice glicemico della frutta e della verdura privata di fibre nei succhi e nei frullati, aumenta per il semplice motivo ce non essendoci piú barriere, le fibre appunto, il nostro organismo assume gli zuccheri in modo quasi immediato.
Carico glicemico della frutta fresco (LARN)

 

Fusetti Giorgia
Maccalli Giorgia

Post precedente:
Il pane lo faccio io
Post sucessivo:
L'apericena

I nostri sponsor

Seguici sui nostri social