Corso interattivo

LA CUCINA DELLE CARNI ROSSE


Generic placeholder image
  • Riccardo

    Cominardi

Generic placeholder image
  • euro

    30

Generic placeholder image
  • ore

    19:30-21:00

La distinzione tra carni bianche, rosse e nere, è una distinzione gastronomica adottata soprattutto per facilitare la scelta del metodo di cottura. Ed è proprio su questo tema che il corso insisterà per mostrare come, anche sfatando alcuni miti tradizionali, sia possibile trarre il meglio in sapore e consistenza dalle carni ‘rosse’ acquisendo i criteri di essenziali sull’abbinamento degli ingredienti e sulla scelta dei metodi di cottura.

Programma
Le cotture diversificate degli tagli di carne anteriori e posteriori
Filetto di manzo alla Rossini
Entrecôte alla plancia
Goulash con purè di patate affumicate

ll corso a numero chiuso è frequentabile tramite l'applicazione ZOOM. I partecipanti potranno preparare quanto previsto dal programma insieme al docente, intervenire in diretta, chiedere spiegazioni e mostrare quanto stanno preparando.

Successivamente all'iscrizione e in anticipo rispetto alla data del corso riceveranno tramite mail:

  • Il link necessario per collegarsi alla diretta
  • Il ricettario e le note tecniche di supporto
  • La lista della spesa
  • le attrezzature e le eventuali operazioni da fare prima dell'inizio del corso

Chi non volesse cucinare potrà seguire l'incontro per applicare successivamente quanto appreso.
Tutti gli iscritti riceveranno la registrazione multimediale e la possibilità, anche successivamente all'incontro di porre per e-mail domande al docente alle quali riceveranno una risposta personalizzata.

Docente
Riccardo Cominardi. Diplomato all'istituto alberghiero, non ancora ventenne si trasferisce a Beverly Hills, ed in brevissimo tempo ricopre il ruolo di executive chef di uno dei più importanti ristoranti della città e coordinatore di una catena di ristoranti. Dopo cinque anni di intensissima attività ritorna in Italia dove si impegna nella gestione di strutture ristorative di rango internazionale. La competenza, la sensibilità gastronomica, lo spiccato senso estetico, maturati in trent'anni di professione sono riversati in una didattica cristallina ed appassionata